Slider 04

 

Le opinioni di persone più o meno note

 

Renat Heuberger   «5% delle emissioni di CO2 in Svizzera sono prodotti in impianti di incenerimento dei rifiuti. In cui raccogliamo plastiche separatamente, possiamo riciclare materiali riciclabili molte risorse e riciclati per nuovi prodotti. Oltre alla lunga data successo raccolta differenziata dei PET sacchetto di raccolta di plastica InnoRecycling apre importo supplementare potenziali ecologici precedentemente inutilizzate. Egli è la migliore alternativa all'incenerimento di imballaggi in plastica in impianti di incenerimento. InnoRecycling aiuta a ridurre le emissioni di CO2 e per chiudere i cicli dei materiali.»
Renat Heuberger, CEO South Pole Group, Svizzera ambientale 5/2017, pagina 8: "plastiche per la casa - troppo bello per bruciare"
     
Markus   «Materie plastiche bruciano piuttosto che riciclare significa che rubano le future generazioni non solo le risorse ma li impongono inoltre i nostri carichi ambientali. La nostra iniziativa "Ritorno al futuro" per il riciclaggio della plastica delle famiglie è stato assegnato il vincitore del premio federale d'etica nel 2015 e il premio di riconoscimento di Zurigo Climate Award, 2014
Markus Tonner, direttore InnoRecycling AG, klimafreundlich Schweiz 2016
     
Doris Leuthard 2011  

«Da anni la Svizzera è numero uno al mondo nella raccolta differenziata. Tuttavia, è anche tra i primi paesi europei per la produzione di rifiuti: la quantità di rifiuti pro capite, con 700 chili all'anno, è il doppio rispetto all’UE. Questo dato ci pone al vertice di questa particolare classifica. Il 15% dei rifiuti domestici è costituto da plastica, come vasetti di yogurt, vaschette per la carne, confezioni di cibi pronti, tubetti, bottiglie, involucri e pellicole, che semplicemente bruciamo.»
Doris Leuthard, consigliere federale e ministro dell’ambiente al Consiglio degli Stati sulla revisione della Legge federale sulla protezione dell’ambiente, Tagesanzeiger del 25.11.2014

     
Bild7  

«Con la plastica verde si punta a ottenere effetti positivi su tre livelli: in primo luogo si tratta di preservare le risorse naturali sia a valle che a monte, in secondo luogo si dovrebbero conseguire vantaggi economici per tutti i soggetti coinvolti, ad es. con la diminuzione dei costi, e infine andrebbero innescate ripercussioni sociali positive attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro. Ciò richiede un grande impegno da parte dell'intera popolazione svizzera, che tuttavia sarà ricompensata dall’enorme potenziale offerto anche nel lungo periodo. Sostenete questa iniziativa e contribuite all’attuale elaborazione di un piano d’azione dettagliato.»
Prof. Dr. Wolfgang Stölzle, cattedra di gestione logistica dell’Università di San GalloSupporto scientifico al progetto «Green Plastics - produzione sostenibile di materie plastiche in
Svizzera», giugno 2014

   
Stark           

È nostro dovere preservare le risorse che si stanno via via esaurendo e creare laddove possibile cicli dei materiali chiusi.»
Dr. Jakob Stark, consigliere di Stato del Canton Turgovia Thurgauer Zeitung del 18.2.2013

     
Egger  

«La raccolta differenziata delle materie plastiche comporta esclusivamente vantaggi: - rappresenta un risparmio per le famiglie - le materie riciclate rimangono in Turgovia e non devono essere importate - vengono creati posti di lavoro - e a beneficiarne è soprattutto l’ambiente.»
Kurt Egger, deputato dei Verdi al Gran Consiglio per il Canton Turgovia e autore dell’interpellanza «Riciclare le materie plastiche», seduta del Gran Consiglio del 3.12.2014

     
Geiselhart

«Il riciclaggio non è solo un concetto ormai socialmente riconosciuto, è diventato qualcosa di cui non possiamo più fare a meno: in quanto fornitore di materie prime, rappresenta oggi un importante pilastro della nostra economia.»
Patrik Geisselhardt, amministratore delegato di SwissRecycling, associazione mantello delle organizzazioni di riciclaggio PET-flash, febbraio 2013

   
monteil michel  

«Riciclare i rifiuti in materie plastiche separandoli per tipo conviene.»
Dr. Michel Monteil, capo sezione gestione dei rifiuti UFAM. Estratto dalla trasmissione Einstein di SRF del 27.9.2010

     
braungart  

«Non esistono rifiuti in natura, l’uomo è l’unico essere che ne produce. In natura esistono solo sostanze nutritive. Il concetto stesso di «rifiuti» è sbagliato: non si tratta dunque di rivalorizzarli a posteriori, bensì di considerarli diversamente sin dall’inizio, rendendo possibili cicli dei materiali in cui non esistano rifiuti, ma solo ed esclusivamente sostanze nutritive riciclabili.»
Prof. Dr. Michael, Braungart, fondatore e direttore di EPEA Internationale Umweltforschung GmbH

     
Bosshart  

«Già al momento dell’acquisto delle materie prime ci si deve chiedere come smaltire e riciclare in modo sostenibile i prodotti che ne deriveranno. Solo così potranno essere trasformate nel rispetto dell’ambiente e generando anche un utile economico.»
Dr. David Bosshart, CEO des Gottlieb Duttweiler Instituts GDI

     
Piccard  

«Riciclare è un modo efficace per ridurre lo spreco di materie prime e avere cura delle risorse del nostro pianeta.»
Bertrand Piccard, scienziato e avventuriero

http://www.ich-trenne.ch

     
   

«Da quando un mese fa i nostri vicini ci hanno parlato del riciclaggio dei rifiuti in materie plastiche stiamo molto attenti a differenziare la plastica. Nel frattempo nella nostra zona sono sempre di più le persone che dimostrano interesse per questo concetto e che lo sostengono.»
Hanna Werner aus Winterthur

     
   

«Oh che bello! Sono felicissima di sapere che finalmente i rifiuti domestici in materie plastiche possono essere raccolti separatamente. È da anni che aspetto questo momento. Purtroppo oggi quasi tutti gli imballaggi dei prodotti sono in plastica.»
Angela von Halle aus Wil

     
   

«Nella nostra famiglia separiamo la plastica dal resto dei rifiuti. A noi non costa nulla e in questo modo riduciamo sensibilmente il volume delle nostre immondizie.»
Lorenz Keller aus Amlikon-Bissegg